Del Sedici ’21

Il silenzio tombale di questo sedici agosto duemilaventuno- si ode raramente il passaggio di qualche automobile e gli esercizi commerciali, tranne due panifici, un bar, una farmacia, sono chiusi per ferie(alla faccia della pandemia e degli incatenamenti per protesta contro le scelte governative)- oggi è stato squarciato dai bip di due messaggi uòzzap, autori un genitore e un’alunna in sospensione…

Il primo, dopo avere esternato le sue preoccupazioni sull’eventuale assembramento che si potrebbe verificare nel corso degli esami dei sospesi(ex rimandati a settembre), si è fatto latore di una richiesta di chiarimento da parte di alcuni genitori, dubbiosi, il 16 agosto!, se acquistare o no l’antologia dei Promessi…Pertanto ho cercato di diradare la nebbia del dubbio, spiegando che nella lista dei libri approvata il testo in questione è facoltativo. In realtà la comunicazione taciuta era la seguente: “Il testo è facoltativo, quindi non tutti lo acquisteranno, soprattutto chi versa in una situazione economica non proprio rosea”.

L’altra, dopo aver finemente rimarcato di essersi ammazzata di versioni dal latino al fine di esercitarsi, mentre probabilmente il resto della classe si abbrustoliva al sole come lucertola, mi ha chiesto, il 16 agosto!, se le potessi fornire delle mie versioni per ulteriore esercitazione, come se io possedessi in un cassetto segreto dei brani particolarmente malefici da tradurre, differenti da quelli che normalmente i colleghi usano a scuola o durante le lezioni di recupero. Alla virgulta ho spiegato che le regole grammaticali son sempre quelle, almeno negli eserciziari in uso nelle patrie scuole, e che non esistono mie versioni(in effetti esistono e sono quelle che modifico io sudando sette camicie, onde evitare il copia/incolla dal web; in ogni caso senza analisi morfo-sintattica il compito non è sufficiente).

E siamo al 16 agosto. Sono in attesa curiosa di sapere quali e quante altre richieste strampalate perverranno entro la fine di agosto. 🙂