TNT

Oggi è stata una giornata amara. Per la seconda volta un pacco da me spedito con TNT non è stato recapitato al destinatario, pur avendo lasciato presidiato dal vicino di casa il luogo di consegna: gli appartamenti di entrambi sono, infatti, attigui. Per evitare disfunzioni ho anche lasciato al servizio giacenza di Roma il cognome del vicino di casa. Invece per la seconda volta alle 19 mi viene comunicato che il destinatario è assente. Per la seconda volta alle 19? Ma è credibile tutto ciò? Com’è possibile che i corrieri vadano sempre alla stessa ora? A mio parere, non so perché, questi corrieri hanno difficoltà ad andare, lasciano che trascorra il giorno e poi scrivono di non aver trovato nessuno a casa. Ciò è avvalorato dal fatto che il quartiere dove consegnare è molto periferico e che il destinatario non è mai stato chiamato al telefono, cosa che in altre occasioni di spedizione con TNT è avvenuta. E’ la prima volta che succede un fatto del genere. La mia ira non è determinata dal costo della spedizione e quindi dal disservizio arrecatomi come utente, ma dalla delusione che ho causato al destinatario. Sento il bisogno di scriverlo qui nel blog, chissà mai che qualche anima pia con ancora un briciolo di senso del dovere e del lavoro possa leggere.

SupinaMente

Dopo la pubblicazione sul Corriere della Sera di questa foto, tratta da un libro di scuola primaria, si è abbattuta una vera e propria bufera sulla casa editrice, che è stata incriminata per razzismo per aver fatto pronunciare al bimbo in vignetta la frase “Quest’anno io vuole imparare italiano bene”; da quello che si può dedurre dal contesto, il crimine sarebbe stato commesso per il fatto che soltanto il bimbo straniero storpi il predicato verbale non accordandolo col soggetto, mentre tutti gli altri bambini pronuncino delle frasi corrette. Detto in soldoni, si contesta agli autori la scelta del bambino africano, frutto di uno stereotipo culturale a sfondo razzistico; perché non scegliere, per esempio, un bimbo russo o giapponese?

La stessa pagina è stata poi linkata da un gruppo di amanti della lingua italiana sul profilo Facebook di RadioTre e lì si è sollevato un coro di voci pressoché unanimi nel condannare la scelta infelice della casa editrice. A questo punto ho digitato un mio commento, che è stato letteralmente fagocitato dalla rete. Probabilmente anch’io, senza saperlo, sono razzista.

Fermo restando che quella didascalia è semplicemente indecorosa, la mia opinione, espressa in quel commento, peraltro in un gruppo che si occupa di lingua italiana, suonava così: “La scelta di quella frase, scritta in un libro per bambini di primaria, è innanzitutto inaccettabile sul piano linguistico, perché non fornisce un buon esempio di uso della lingua italiana agli scolari e non rende ciò che di fatto avviene nella realtà scolastica, perché ci sono alunni stranieri che si esprimono benissimo in lingua italiana e altri che pronunciano frasi peggiori di quella messa in bocca al bambino dell’illustrazione; legittima sarebbe stata, invece, se si fosse trattato di un esercizio da svolgere, che prevedeva la correzione dell’enunciato e la sua riformulazione”. Probabilmente ho commesso contestualmente due delitti: mi sono discostato dal Pensiero Unico dei commentatori di quel post e ho spostato il focus dell’argomento, ossia dal razzismo della casa editrice all’inopportunità didattico-educativa di quella frase. Ma una delle Leggi del Pensiero Unico è che sia necessario commentare i post di varia natura e su vari siti, attenendosi rigorosamente a ciò che gli autori hanno formulato sul piano contenutistico e alle sfumature socio-politiche da loro sotterraneamente o manifestamente tratteggiate. Per me tutto ciò è inammissibile sotto il profilo dell’onestà intellettuale e della libertà espressiva. Non è mio uso e costume, tra l’altro, commentare in modo offensivo e irriguardoso nei confronti di chicchessia.

“Al cominciar dell’erta”

Non so se segnare negli annali della memoria il mio capodanno scolastico 20-21, di certo, se questa sarà stata deficiente per avanzamento degli anni, si occuperà il blog a farne memoria tutte le volte in cui, grazie alle categorie di WordPress, il suo contenuto sarà richiamato.

La mia sveglia naturale stamani è scoccata alle quattro, anticipata di due ore rispetto alle abitudini quotidiane e sicuramente favorita dall’ansia del rientro fisico a scuola, perciò, scolate due tazzine di caffè nelle canne per rendermi ancora più elettrizzato, mi son messo a studiacchiare le Intercenali di Alberti in vista di una delle possibili programmazioni di quarto anno liceale.

Espletate le cure del corpo e dello spirito, mi sono fiondato in città attraversando strade pressoché deserte e senza traffico, cosa incredibile a vedersi.

A scuola un ben nutrito nugolo di genitori e primini, non tutti di mascherina muniti, si pigiava ai due ingressi della scuola in attesa della campanella, che mai però sarebbe suonata per non suscitare altro motivo di turbolenza spirituale e igienica, sì perché la campanella scolastica in tempi di Covid ha il magico potere di risvegliare le voglie fameliche del virus, invitando gli allievi all’assembramento. 😲😲😲

Noi operatori scolastici, di mascherina muniti, abbiamo accolto i primini, anch’essi mascherati, nell’androne in semi-assembramento; in fila indiana abbiamo scalato l’edificio e, raggiunta l’aula, ci siamo accomodati in un’aula ben torrida e semi-angusta, ma con a disposizione un piano intero per noi, dato che per le altre classi si deve decidere ancora cosa fare.

Nessun banchetto monoposto classico, né tanto meno l’esecrato girello da bipede neonato. I soliti banchi biposto, rigorosamente segnati con un nastro adesivo utile a indicare agli allievi dove accoccolarsi. Onde favorire il contagio da Covid, gli alunni sono stati posti l’uno di fronte all’altro, in modo tale che al primo colpo di tosse o di starnuto le goccioline possano agevolmente migrare da ospite a neo-ospite; inoltre, al fine di incrementare la spesa sanitaria e affollare gli ambulatori, il più sfortunato tra i due, quello che non guarda la lavagna, ma la faccia del compagno, è costretto a convivere con un perenne torcicollo sia per mirare il docente che per eventualmente dare un’occhiata a ciò che trasmette la lim o la classica lavagna.

Seguono poi le classiche presentazioni e la lettura commentata del patto di corresponsabilità; a metà ora un virgulto alza la mano per chiedere la parola.

-Professore, possiamo togliere la mascherina?

Così è previsto, anche se penso sia necessario tenerla.

Le boccucce adesso sono tutte visibili, e gli occhi e i nasi. Traluce dai loro sguardi un entusiamo contagioso, l’entusiasmo del cominciamento. Mi tengo a debita distanza rigorosamente mascherato, mentre il silenzio scandisce la fine dell’ora.

La scuola è cominciata…

Draconiano

Proliferano, come le ondate focose del cammello africano, i documenti che accompagnano la scuola verso l’apertura del 14 settembre e tanti altri ce ne propineranno in base all’evoluzione della pandemia, che oggi procede al ritmo di quasi un migliaio di casi al giorno e più avanti chissà. Il Miur, in collaborazione col CTS, ha predisposto delle linee guida operative per gestire la nostra futura vita scolastica. In breve: un referente Covid interno, non medico, cura il contatto con le famiglie, un responsabile presso le Asl fa da cerniera tra le scuole e la sanità pubblica, una stanza di isolamento dove tenere l’alunno colpito da malessere fino all’arrivo dei genitori, la presenza di una figura che gli starà vicino fino alla presa in carico da parte della famiglia, un’adeguata igienizzazione degli spazi, l’uso della mascherina. Per il personale scolastico che accusa sintomi in servizio o a casa valgono le stesse regole, con la differenza che se si trovano al lavoro si recheranno autonomamente nel loro domicilio protetti da mascherina. Chiaramente scatta la quarantena di intere classi o del plesso sulla scorta di una valutazione sanitaria e la mappatura dei contatti con cui l’appestato si è umanamente congiunto.

Ancora una volta, come già si è verificato nel mese di marzo, si mette in moto una sorta di filiera degli interventi, che solo in casi gravi può toccare il punto di riferimento per la salute dei cittadini, ossia gli ospedali. La nostra sanità non è in grado di affrontare ricoveri di massa in sub-intensiva e in rianimazione; prova ne sono i deceduti dei mesi scorsi, risultato di una convergenza pericolosa tra lacune della sanità, ormai storiche, sorpresa di fronte al nuovo, ignoranza delle dinamiche del virus, diktat economici e interessi politici. Ne sono stati prova l’azzeramento delle prestazioni sanitarie ordinarie(?) durante il lockdown e, attualmente, le richieste di donazione alla Protezione Civile finalizzate a sostenere l’emergenza del Covid 19. Il modo migliore, perciò, per occultare i buchi neri del mosaico sanitario italiano consiste nell’alimentare con tutta l’energia possibile un tipo di pubblicistica politica, via social e nei media, che adopera delle armi di distrazione di massa, di cui protagonisti sono sia i rappresentanti del governo, sia le opposizioni politiche che, se si fossero trovate alla regia, si sarebbero trovate davanti le stesse macerie sanitarie prodotte in tanti anni di gestione politica delle aziende sanitarie.

Esistono, poi, gli strumenti di questa campagna di occultamento della realtà sanitaria italiana: la mascherina, il banchetto girevole, gli untori esterni e interni, il termoscanner(non si capisce perché agli alunni non debba essere rilevata la temperatura a scuola), il tampone, il test sierologico che, relativamente ai docenti, peserà gravemente sui già martoriati medici di base; qui non si tratta di mettere in discussione i metodi diagnostici riconosciuti e validati dagli organismi internazionali o di disconfermare i consigli degli esperti e le regole da seguire(me ne guarderei bene dal farlo), ma di collocare nella dimensione della realtà mezzi e fini. A me pare che li abbiamo smarriti. Indistintamente.

Poi le proposte, le mie, ossia di uno che grida nel deserto, fatte salve le indicazioni sanitarie:

  • Cancellazione della didattica a distanza.
  • Abolizione di tutti i progetti, visite, viaggi, etc…
  • Recupero di locali dismessi(esempio caserme, istituti religiosi, etc…)
  • Istituzione dei doppi turni.
  • Riorganizzazione dei servizi di trasporto urbani ed extra-urbani.
  • Sdoppiamento delle classi.
  • Rimodulazione del monte-ore delle discipline.
  • Rimodulazione del monte-ore degli insegnanti e destinazione delle ore residue al recupero di quanto non realizzato nell’anno scolastico 2019-20.
  • Ridimensionamento delle “vacanze” natalizie, carnascialesche, pasquali, estive.
  • Potenziamento del personale scolastico.

Pio, pia, pai…non sono patatine

6b44d65811a306e4c5406f8fcf909d66Oggi mi sono dedicato allo studio dell’ordinanza n. 11 del 16 maggio del 2020 anche allo scopo di arrivare con le idee chiare allo scrutinio finale delle classi intermedie. Già compiere questa delicata operazione in video è difficoltoso, figurarsi arrivarci asciutti e annaspare arrampicandosi sullo schermo del pc. Volgarizzando alquanto, chioso personalmente quanto compreso:

  • Tutti gli alunni vanno promossi, a meno che ci si imbatta in quegli sventurati, che abbiano frequentato quasi mai nel corso di tutto l’anno scolastico e dei quali non ci sia traccia di produzione alcuna e che abbiano reiterato, peraltro, la scioperataggine anche nella Dad per motivi comunque non legati a connessione e strumenti vari. Per giunta la non ammissione deve essere varata all’unanimità. Un bel vulnus alla democrazia collegiale, non c’è che dire.
  • Vengono annullate le sospensioni del giudizio e si può essere promossi, a rigore, anche con una bella scorpacciata di insufficienze, ma con l’obbligo da parte del consiglio di classe di stilare un PAI, un piano di apprendimento individualizzato, che indichi lacune da colmare e strategie didattico-militari, da realizzare a partire dal primo settembre 2020 con l’ausilio dell’organico di potenziamento(nella mia scuola continuano ad arrivare colleghi potenzianti che in genere non hanno competenze nelle discipline di indirizzo); il tutto, quindi, a costo zero.
  • L’anno scolastico 20-21 diventa, pertanto, una propaggine del 19-20, tant’è che è possibile prolungare il PAI per tutto l’anno prossimo.
  • Poi c’è il PIA, il piano di integrazione degli apprendimenti di quei docenti disconnessi, che non hanno completato la realizzazione di quanto programmato, quindi lo scrutinio finale diventa sede di programmazione e non più soltanto di valutazione.

Queste le perle più rappresentative dell’ordinanza, che non sarebbero tali se per due mesi i vertici tutti non ci avessero intrattenuto sui mirabilia della valutazione formativa, che di fatto ha precluso ai docenti di registrare voti e ha fatto rinverdire loro i vecchi giudizi brevi che sempre comunque hanno accompagnato i numeri.

Ora, dopo tre mesi di valutazione formativa(con alunni complessivamente presenti, educati, interessati…)chi ha il coraggio di assegnare un voto inferiore a sei decimi anche in presenza di qualche lacuna peraltro mai accertata con sicurezza tramite Dad?

Proprio no! All’incoerenza infantile delle menti eccelse oppongo la coerenza di chi ha recitato alla perfezione la mascherata pirandelliana dalla Dad da coronavirus. Che sia formativa fino alla fine, la valutazione! Io in classe devo entrare con dignità l’anno prossimo: le cattedre non sono come le poltrone dei politici. Le prime durano, le seconde traballano al primo vento contrario.