Bambinelli e presepi

Anche per questo Natale, ma soltanto per un evento fortuito, ho fatto un piccolo giro fra chiese e non ho potuto che immortalare presepi e bambinelli. Nelle prime tre foto i personaggi sono di antica fattura, non pregevolissima, ma sicuramente in creta o in gesso. Sono scatti veloci purtroppo. Nelle ultime due un bambinello di Praga con la tipica foggia rossa e un Gesù orfano di padre e madre, sebbene inserito in una capanna; gli fanno compagnia, però, due angeli e due pecore.

Natività 2019

Quest’anno un presepe tra fiori, angeli e luci. Ho faticato un intero pomeriggio, ma alla fine ce l’ho fatta. Augurissimi di buon Natale a chi passa da questo deserto in rete!

Un bambinello napoletano donatomi dalla mia amica Marianeve

Bouquet natalizio: stelle di Natale con orchidea screziata

Angeli e fiori

Il tronco fiorito

Anche quest’anno la corona d’Avvento è stata costruita. Mi sono ispirato a un passo di Isaia per la presenza dei fiori, che inghirlandano la colonna su cui campeggiano le quattro candele. Il viola prevale, ma il rosa fa la sua comparsa, oltre che nella terza candela, anche negli addobbi floreali.

gretine e gretini

i gretini sì, anche i miei studenti domani si mobiliteranno in versione gretina. I maggiorenni, in linea con l’auspicio ministeriale, si sono limitati a comunicarmelo, i virgulti, invece, hanno mostrato qualche faccia indecisa e un dolcissimo imberbe mi ha anche invitato ad esprimere il mio parere. Ma, com’è mio costume, soprattutto quando si tratta di adolescenti appena sbarcati dalla scuola media, mi sono limitato a leggere la circolare e il sunto della delibera collegiale. Poi ho semplificato per amore di chiarezza. Chi vorrà partecipare dovrà accodarsi al gruppo di tutti gli studenti, che hanno formalmente espresso di partecipare alla manifestazione. I rappresentanti d’istituto registreranno i presenti alla manifestazione, onde evitare che l’iniziativa si trasformi in un giorno di vacanza. Noi(prof), invece, saremo a scuola in servizio, pronti ad accogliere quei dissidenti, che non vorranno aggretinarsi, preferendo al corteo domina dominae, potenze, equazioni e ominazione…Qualche collega coraggioso porterà con sé alla manifestazione, sotto la propria responsabilità, intere scolaresche. Sono scelte e meritano il massimo rispetto. Il valore supremo resta sempre la libertà.

L’inquietudine delle “Rosalie”

Per il secondo anno consecutivo un gruppo di giovani artisti palermitani ha allestito una mostra dedicata a Santa Rosalia, la patrona di Palermo, omaggiata con uno spettacolare “festino” il giorno 14 luglio. Le opere vengono esposte in uno strettissimo vicolo di fronte alla cattedrale e svolgono, attualizzandolo, un tema centrale o collaterale alla storia della Santuzza. Quest’anno il filo conduttore ha riguardato la peste, o meglio le forme di peste che, secondo i giovani artisti, attanagliano la società contemporanea. Purtroppo non ho visto di presenza le opere, sebbene sia mia intenzione fare un salto nel centro storico, prima che chiudano i battenti della mostra. Ne posto qui alcune, cominciando da quella che ritengo più attuale. A seguire le altre.

Vangelo secondo me

La gloria? La fama?

L’oro

Le tragedie del mare? La situazione climatica?

Palermo dove sei?

L’omologazione? L’eterno godimento?