Caschetto di cenere

Caschetto

gelo

Caschetto di cenere

è ammantato

nel suo cappotto blu.

Insaccato sulle spalle

aderisce di più là

dove artigli di freddo

nidificano

silenzio.

Tondi gli occhi,

si affacciano

da vetri sottili.

Rauche parole

dimostrano

teoremi

di solitudine

vissuta.

Sulla piazza dei divertimenti

sostano blaterando

saltimbanchi

ancora inebriati

di sofficezza e dolci unti.

Tra le mani

una cioccolata

scioglie

i meno due.

Lo sguardo

di una tela muta

nella fu Milano da bere

percuote la cassa del cuore,

dove ombre

lancinano

una luce fioca.

Fiocca

l’aria.

(Stamani il racconto di una collega, delle sue vacanze in particolare, m’ha fatto scrivere Caschetto.)

***

LA MIA AMICA MARIAPRIVI HA SCRITTO UN BEL RICORDO SCOLASTICO SUL BLOG  BALSAMO DI CARTA SCRITTA. LO SEGNALO, PERCHE’ MERITA ASSAI.MI MANCA MARIA E IL SUO MODO DI SCRIVERE.

7 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Kappadue72
    Gen 09, 2009 @ 18:04:00

    Bella poesia.
    Sarà brava la tua collega a raccontare, o sei tu che riesci a farti ispirare bene anche da poche parole?

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Gen 09, 2009 @ 19:43:00

    Mi ha “impressionato” la sofferenza di questa donna, espressa con molta dignità. Ecco il punto, Kappadue.

    Mi piace

    Rispondi

  3. perlasmarrita
    Gen 09, 2009 @ 22:57:00

    Mel a me piace molto.
    Non sono un’esperta e lo sai , ma così d’impatto mi piace la sequenza di fotogrammi (mi sembrano così) che fermano un momento.
    Alcuni sono straordinariamente evocativi. Te ne elenco qualcuno:
    Insaccato sulle spalle
    aderisce di più là
    dove artigli di freddo
    nidificano
    silenzio.

    A me parla, questa immagine, di una donna minuta, chiusa in qualcosa che provoca sofferenza, ma che riesce a mantenere, al contempo, distanza comunicativa (sembra un’ossimoro ma per me nn lo è)
    E ancora:
    Sulla piazza dei divertimenti
    sostano blaterando
    saltimbanchi
    ancora inebriati
    di sofficezza e dolci unti.

    Oppure
    Fiocca
    l’aria.

    Quest’ultima è una chiusa esemplare; due parole un mondo intero in mezzo.
    Mel, mi permetti di dirti che sei bravo a focalizzare e sintetizzare emozioni e sensazioni “forti”? 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  4. melchisedec
    Gen 10, 2009 @ 08:33:00

    Grazie, Perla, per l’attenzione al testo e per la tua analisi.

    Mi piace

    Rispondi

  5. flaviablog
    Gen 10, 2009 @ 13:12:00

    Molto bella, Mel.
    Milano non è mai stata *da bere*, l’ha data a bere in tal senso. Milano è…fervente. Se fosse da bere sarebbe dei fermenti lattici probiotici.

    Non riesco a contattare in alcun modo Maria. Non ho neppure email ( mi aveva scritto il racconto direttamente nella messaggeria splinderiana).

    Mi piace

    Rispondi

  6. timeline
    Gen 12, 2009 @ 18:39:00

    bellissimo post: hai colto l’anima profonda di questa donna, dipingendola con colori stupendi.

    Blue

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Gen 12, 2009 @ 20:59:00

    @Sì, Flavia, a quanto dicono e tu confermi.

    Maria da tempo diserta i blog. Non so che dire.

    @Blue, grazie. “Caschetto” mi ha intenerito.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: