“La messa è finita” di Moretti

E sempre a proposito di film provo a dire, ché già tanto è stato scritto e recensito, ciò che penso del film La messa è finita di Nanni Moretti, regista e attore verso il quale ho sempre nutrito un misto di attrazione(per la bravura) e di repulsione(noioso).
L’ho gustato proprio ieri sera.
Un’amara allegoria delle tendenze spirituali degli Italiani(e non solo)a metà degli anni ’80, quando si è quasi del tutto svelata l’epifania della crisi delle ideologie rosse e bianche: un’Italia spiritualmente smidollata, incapace di fare luce sui percorsi di vita del singolo e della collettività.
O, in altre parole, una tendenza al bozzolismo psicologico, figlio del capitalismo all’ultimo grido, che mina i fondamenti dell’istituzione-cardine dell’Italia, la Famiglia, e che riduce a larva qualsiasi tentativo di relazione autentica tra gli esseri umani.
Che sia quella tra genitori e figli, tra fratelli o tra seguaci dello stesso partito o della stessa parrocchia, poco importa.
Tutto il film è segnato dalla progressiva presa di coscienza da parte di Don Giulio che ogni tentativo di spiegare a se stessi e agli altri, attraverso gli strumenti della tradizione, il senso dell’esserci e del relazionarsi è destinato a un eclatante fallimento.
Ciascuno è destinato a restare solo, a muoversi entro un deserto di segni svuotati del significato che la cultura di appartenenza gli ha fornito.
A chiedere e a non avere risposte, se non quelle spicciole, offerte dai santoni del momento storico o dalle nuove impalcature di pensiero.
Poco credibile risulta anche l’appello finale di Don Giulio all’amore durante la celebrazione del matrimonio di Cesare.
La messa è finita, appunto la missione alla quale tutti i personaggi sembravano essere stati, in qualche modo, chiamati.
E con i personaggi anche tutti noi.
Film amaro.

11 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. kappadue72
    Ago 23, 2012 @ 21:57:25

    A mio avviso, forse il miglior Nanni Moretti, con una colonna sonora indimenticabile.

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Ago 23, 2012 @ 21:59:18

    @Kappadue, non li ho visti tutti, ma riuscirò nell’intento. Pezzi di musica pop bellissimi.

    Mi piace

    Rispondi

  3. kappadue72
    Ago 23, 2012 @ 23:04:51

    Si, bei pezzi, io mi riferivo soprattuto a questo:

    Mi piace

    Rispondi

  4. simonnne@hotmail.com
    Ago 24, 2012 @ 00:49:29

    Moretti in questo film offre uno spaccato ben vivido di quegli anni confusionari dei quali ancor oggi si contano le conseguenze. La messa era davvero finita, o comunque c’era davvero poca voglia di ascoltarla.
    Il mio preferito è “Palombella Rossa”, dove il protagonista tenta di ricostruire la sua utopia già cosciente di non aver più alcun sostegno. Comunque un pò meno amaro, almeno per me 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  5. melchisedec
    Ago 24, 2012 @ 08:57:01

    @Celestiale, Kappadue.

    @Amaro, Simone, per il destino di solitudine dei personaggi. Anche l’allegra famigliuola in fondo, pur nell’armonia, celebra l’amore sull’altare delle nuove convenzioni sociali, tra cui riempire il figlio di giochi e cibo.

    Mi piace

    Rispondi

  6. laGattaGennara
    Ago 24, 2012 @ 11:39:05

    mentre facevo zapping, ho scelto di fermarmi anche io l’altra sera a rivederlo, dopo tanti anni. Ho pensato molte delle cose che tu scrivi benissimo, caro Mel. Amarezza (non salva da una certa noia, funzionale in Moretti, a mio parere) e anticipazione. Tanta. Mi ha colpito soprattutto cosa riuscisse a vedere sui modi incombenti di vivere maternità/paternità/centralità del figlio unico. Aspetto che ha ripreso magistralmente in un episodio di Caro Diario. Sul modo di associare la musica alle immagini poi, e chi se lo scorda più il Battiato di Palombella Rossa o la Caselli de “la stanza del figlio”. Io ho adorato tra tutti il film “Aprile” ma ora mi sta venendo voglia di una retrospettiva notturna autunnale.

    Mi piace

    Rispondi

  7. 'povna
    Ago 24, 2012 @ 18:13:36

    Moretti è stato grande amore della mia giovinezza. Ora lo sostengo molto meno. Ma La messa è finita trovo che faccia ancora parte della stagione d’oro.

    Mi piace

    Rispondi

  8. melchisedec
    Ago 24, 2012 @ 19:55:33

    @Effettivamente, la GattaGennara, Moretti potrebbe essere definito “autunnale”. C’è sempre qualcosa che “muore” nei suoi film, anche un sentimento.

    @ Moretti “odi et amo”, Povna.

    Mi piace

    Rispondi

  9. ellegio
    Ago 24, 2012 @ 21:25:02

    Odi et amo anch’io. Come si ama quando si riconosce una matrice comune, e come si odia chi non può fare a meno di salire in cattedra.

    Mi piace

    Rispondi

  10. gipsy2011
    Ago 25, 2012 @ 11:48:33

    Adoro Moretti anche se nei primi anni della sua produzione lo trovo piuttosto difficile perchè al di là del godimento immediato del film c’è spesso dietro un significato metaforico piuttosto ostico. Come in questo, che tu spieghi molto bene. Il mio preferito di quegli anni è Bianca.

    Mi piace

    Rispondi

  11. melchisedec
    Ago 25, 2012 @ 17:31:55

    @E’ vero, Ellegio. Hai chiarito il tipo di “relazione immaginaria”.

    @Gipsy, me ne mancano ancora film di Moretti.

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: