Nudo come un verme

E lui lì, impalato ai piedi del letto, nudo come un verme, a criticarmi, ad impedirmi con mille pretesti di fumare.
Al che, non soddisfatta, ho fumato un’altra sigaretta.                      
 
Ho citato qualche battuta di una piacevolissimo resoconto di una cara amica sui non fumatori che rompono le scatole ai fumatori, anche nell’intimità.
Il “lui”, nudo come un verme, era pure presente.
Rosso porpora, come potete immaginare.
L’espressione “nudo come un verme” mi ha sempre incuriosito.
Sarà perché non riesco a figurarmi un verme vestito, come d’altro canto nessun animale, a parte i rivestimenti che madre natura gli ha dato.
Inqualificabile è il caso dei cagnolini col cappottino, cosa che mi fa inorridire.
Mi sono chiesto, allora, da quali presupposti culturali nasca tale modo di dire, se si riflette che esso viene affibbiato al sesso maschile.
È infrequente, infatti, la stessa espressione al femminile.
Come si direbbe?
Nuda come una vermessa?
Nuda come un verme-femmina?
Linguisticamente come un verme.
Si allude a forma, colore, movimenti, allungamento, accorciamento del verme-verme e del membro-verme?
Troppo maliziosa l’ipotesi.
Probabilmente nella coscienza linguistica di chi usa tale espressione è rimasto un residuo di puritanesimo biblico che tuttavia non attiene al costume morale personale.
Non si spiegherebbe altrimenti il resoconto fattomi sul post-festino amoroso.
Sono, invece, quei meccanismi linguistici inconsci che, come spie, ci segnalano più di ciò che consciamente viene espresso.
Ed io mi diverto tanto.
§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§§
Vi rimando al link http://elioscarciglia.splinder.com/. Troverete il bando di un concorso che a qualcuno potrebbe interessare.
 
 

17 pensieri su “Nudo come un verme

  1. a volte la vergogna riportata in modo troppo gratuito si ripaga con una ripicca molto più pesante, quelle che di solito “falciano alle gambe” e che solo le donne sanno affinare fino quasi a mò di tortura cinese.
    Nudo come un verme, perchè il verme non è bello e nemmeno l’uomo nudo di solito lo è, soprattutto agli occhi di una lei dopo un’amplesso. Che altro dir di più, meglio rivestirsi in fretta, che per sputtanarsi è bastato poco 🙂
    “Super at minchiam” Mel 😀 casomai cancella.
    Però non fumate se potete, pregiera di tabagista …

    "Mi piace"

  2. lascia subito colui o colei che ti rompe sul bacco, tabacco o altri vizi. Figuriamoci, uno già sopporta il salutismo imperante di tanti coglioni che poi crepano per una cazzata…

    piuttosto. la storia del verme non regge. Si può tranquillamente dire “nuda come un verme” senza incorrere in alcun errore. A meno che tu non riesca a riconoscere il verme maschio da quello femmina….

    ps. Anche di un uomo maligno si può dire che è “una vipera” senza alludere alla sua sessualità.

    "Mi piace"

  3. @Ray, tranquillo! 🙂 Una cosa però… la bellezza prescinde dal sesso. Almeno secondo me. 🙂

    @Rondone, ho detto infatti “linguisticamente verme”, accettando perciò l’espressione “nuda come un verme”.(riga 19)

    "Mi piace"

  4. Noi umani siamo “speciali” quando desideriamo esprime un giudizio negativo su di un nostro simile, usiamo quasi sempre le metafore animali.
    Quindi essere un allocco
    essere un asino
    fare la civetta
    mangiare come un lupo.
    Per i fumatori è normale fumare dopo….. l’amore, il caffè ecc.
    Un post molto divertente.
    Ciao

    "Mi piace"

  5. AhAhaaH mel.Ma poveri questi uomini non è vero che sono brutti nudi.In quei momenti non credo si pensi a questo.Dopo ,forse…quando la ragione prevale sul sentimento o su quel che è successo :))ma no,scherzo!!.
    é il pudore trasmessoci geneticamente sin dai tempi di Adamo e Eva magari.
    Buon fine settimana
    Un abbraccio

    "Mi piace"

  6. avevo notato. ma quando sopra scrivi: “È infrequente, infatti, la stessa espressione al femminile.
    Come si direbbe?
    Nuda come una vermessa?
    Nuda come un verme-femmina?”

    Qui protesto. E’ frequente in ugual misura. Ripeto. Sarebbe come dire che di rado si usano “scimmia” o “vipera” parlando di uomo.

    semplicemente non è vero.

    vedi? sono peggio di una faina…. 😉

    "Mi piace"

  7. @Angela, poveri animali! Incolpevoli! 🙂

    @Daphnee, quoto, quoto. 🙂

    @Rondone, nè io nè tu, credo, abbiamo la ricorrenza linguistica dell’espressione nei due ambiti(maschile e femminile); ci si affida all’orecchio e alla lettura. Probabilmente il fatto che non l’abbia incontrato frequentemente, mi porta a dire “infrequente”.
    In ogni caso, o al maschile o al femminile, è un’espressione “curiosa”.
    🙂

    "Mi piace"

  8. Povero quel “verme” sbugiardato in una combriccola di amici, E malignetta quella signora perche’ nudo come un verme rimanda immediatamente alle dimensioni del verme in questione che, ben che vada, e’ un lombrico. Lungo si, ma sottile come uno spaghetto… che orrore!
    Laura

    "Mi piace"

  9. 😀
    Mel ma lo sai che io l’ho sempre detto anche al femminile? O_O Nuda come un verme… quindi, seppur notoriamente io sia LettriceMaliziosa, credo di non aver mai dato all’espressione una notazione di tal fatta… O_O
    Potremmo dire “nuda come una lumaca senza guscio” 🙂 Direi che anche come sembianza ci saremmo di piu’ 😛

    "Mi piace"

  10. L’espressione “nudo come un verme” fa ridere anche me, come la maggior parte delle frasi in cui si usano animali per riferirsi a uomini. Per es. mia madre usa spesso l’espressione “conosco i miei polli” (che saremmo noi figlie e mio padre oppure i suoi alunni), cosa che mi suscita subito la ridicola immagine di noi nelle sembianze di polli.
    Anche a me “nudo come un verme” viene più da penssrla al mashile ma non avevo pensato al senso “malizioso” che hai detto tu. E concordo sulla bellezza del corpo maschile nudo, perché un poveretto dovrebbe subito coprirsi e nascondersi?! 🙂

    "Mi piace"

  11. Penso che il significato alluda alla Bibbia, la nudità considerata vergognosa quindi un uomo nudo mancherebbe di dignità, e un “verme” anche in altre espressioni indica un vigliacco, mancante di dignità.

    Perchè l’espressione non si è diffusa al femminile? Perchè la donna, considerata nei secoli “oggetto sessuale” ha nella nudità la sua condizione più “normale”!

    "Mi piace"

  12. Sai che credo sia il frutto della sciacquatura in Arno manzoniana, dato che in Firenze pare fosse in uso l’espressione del “verme ignudo” come massima offesa possibile? Ci vorrebbe un qualche etrusc..ehm..fiorentino doc….

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...