Pictus

In pochi giorni Amazon mi ha fatto recapitare a casa il vocabolario illustrato Orbis pictus Latinus; è la prima volta che uso Amazon e non posso proprio lamentarmi. Si sa che c’è sempre un che di insondabile negli acquisti via web e un po’ di patema l’ho avuto, ma, ancora una volta, questo è il mio quinto acquisto attraverso la rete, tutto è filato liscio.

Orbis pictus Latinus è un dizionario illustrato di circa 400 pagine, interamente scritto in latino; la struttura è abbastanza semplice, infatti le voci, accompagnate da illustrazioni, sono registrate in rigoroso ordine alfabetico, ma non seguono un filo rosso. Si tratta di exempla, che riguardano, almeno linguisticamente, tutta la lingua e civiltà latina, ma senza alcuna pretesa di esaustività. Alcune voces sono contrassegnate da asterischi, il cui numero indica al lettore se si tratti di lingua latina cristiana, medievale e contemporanea; le didascalie a corredo delle illustrazioni spiegano il significato della parola, la declinazione, l’eventuale derivazione etimologica, gli usi degli autori e le propaggini radicali nelle lingue neolatine.

Ufficialmente l’ho acquistato per i miei alunni in ingresso, quindi ad uso scolastico, ma è acclarato ormai quanto io ami le illustrazioni, perciò la verità è che piace innanzitutto a me.

balneum

muscus

palimpsestus

13 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Ornella Antoniutti
    Ago 29, 2015 @ 05:30:18

    Ottimo acquisto! Molto originale l’idea di un vocabolario tutto scritto in latino. In questo modo l’antica lingua riprende vita e si comprende come sia possibile il suo uso anche nella vita quotidiana, e non soltanto nelle pagine di letteratura. Piacerebbe anche a me, che spesso mi sono “persa” nella lettura a caso dei vocabolari illustrati, quelli che i piccoli scolari della scuola elementare imparano a consultare dalla terza in poi.

    Mi piace

    Rispondi

  2. melchisedec
    Ago 29, 2015 @ 07:27:26

    @Ornella, è così; pochi sono, infatti, gli esempi letterari, mentre sono curati la vita quotidiana, gli oggetti, i costumi. In aggiunta agli altri libri del genere già in mio possesso Orbis pictus sarà un valido strumento didattico.
    Tra l’altro ho scoperto l’origine di un termine dialettale adoperato da mio padre e chissà quanti ne scoprirò.

    Mi piace

    Rispondi

  3. ildiariodimurasaki
    Ago 29, 2015 @ 11:22:31

    Illud veram autenticamque ganzatam videtur mihi ^__^
    Sto perfino pensando di regalarmelo, prima o poi: è da tanto che vorrei togliere un po’ di ragnatele al mio latino (che non è mai stato solo latino classico). L’anno prossimo, magari…

    Liked by 1 persona

    Rispondi

  4. melchisedec
    Ago 29, 2015 @ 17:22:30

    @Murasaki, secondo me anche per una buona terza media interessata al latino potrebbe andar bene. A livello di studio personale è una chicca e fa la sua figura tra gli scaffali. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  5. Ilaria
    Ago 29, 2015 @ 21:16:52

    Quoto Murasaki, soprattutto per la “ganzatam” 🙂 Io per dizionari illustrati ed enciclopedie fin da piccola ho sempre avuto una passione, diciamo che ci si naviga come oggi nel web, e il fatto che sia tutto in latino è davvero bello. In quanto ad Amazon è davvero una garanzia, bisogna riconoscerlo (anch’io sono sempre un po’ preoccupata dagli acquisti online!).

    Mi piace

    Rispondi

  6. linda
    Ago 29, 2015 @ 22:23:20

    Ho comprato un libro su Amazon, arrivato oggi, e un paio di introvabili DVD : sia le transazioni che le consegne dei pacchi sono andati benissimo (e anche io ero un po’ tesa).
    Sul tuo acquisto, che dire… sono davvero incantata! Se lo avessi saputo prima lo avrei cercato anche io, per regalarlo ad una persona cara, che, sono certa, lo avrebbe molto apprezzato e soprattutto utilizzato! 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  7. melchisedec
    Ago 30, 2015 @ 08:55:27

    @Ilaria, anch’io condivido la tua stessa passione. Ultimamente ne ho acquistato uno in francese. 🙂 Mi sto scatenando con gli acquisti on line.

    @Linda, potrebbe essere un regalo particolare, perché no. 🙂

    Mi piace

    Rispondi

  8. lanoisette
    Ago 30, 2015 @ 10:32:14

    oooh…!!!

    Mi piace

    Rispondi

  9. Billy Hunt (@BillyHunt69)
    Ago 30, 2015 @ 15:26:18

    vecchio stile per imprimersi meglio le nozioni e anche, perchè no, ad aggiungere ulteriori spunti con le immagini illustrate e le didascalie, sia per l’apprendimento, e per il diletto di chi con i disegni come me ci sguazza (quelli almeno riesco ancora a capirli 🙂 ) … Piacerebbe farlo di mestiere …
    Anche a me Amazon non ha dato mai alcun problema finora, solo una volta che cercavo delle lampadine speciale me le sono trovate “in filigrana” su quasi tutte le pagine web che aprivo. Quindi ho dovuto svuotare la cache… (ogni tanto non fa male)
    Buone giornate caro Prof.
    Ray

    Mi piace

    Rispondi

  10. melchisedec
    Ago 30, 2015 @ 20:16:49

    @Lanoisette, manca la pronuncia a voce però. 🙂

    @Un po’ di vecchio stile non fa male, Ray. Nuovo e vecchio. 🙂 Buone a te, caro!

    Mi piace

    Rispondi

  11. 'povna
    Ago 31, 2015 @ 01:49:21

    Amazon funziona innegabilmente benissimo, bisogna purtroppo chiudere gli occhi sulla prassi lavorativa che applicano, che tutti conosciamo, ma che sia in questo momento mille miglia sopra gli altri venditori è innegabile. Io cerco di mediare comprando solo gli e-books ma cercando di boicottare gli acquisti cartacei, ma so che è un atteggiamento ipocrita, me lo dico da sola…
    Bello il vocabolario!

    Mi piace

    Rispondi

  12. melchisedec
    Ago 31, 2015 @ 09:21:43

    @Povna, ho usato anche altri siti; nutrivo paure stupide e infondate. Ora so che l’irreperibile nel mio centro posso averlo con pochi click. Per quanto riguarda i libri, continuerò ad acquistarli in cartaceo. Non posso violentare la mia vista leggendo su uno schermo. A parte il libro-feticcio da annusare.
    Il vocabolario è molto carino e ben fatto. Ne digitalizzerò alcune parti per usarlo in classe, laddove sarà a disposizione la LIM.

    Mi piace

    Rispondi

    • 'povna
      Ago 31, 2015 @ 09:48:18

      Sul libro feticcio non c’è niente da rispondere, ma tieni conto che con l’e-reader non violenti la vista né più né meno che meno che con la carta, perché, banalmente, assomiglia assai più a un libro di carta che a un pad, non essendo retroilluminato. Meriterà fare l’esperimento, secondo me, prima o poi!

      Mi piace

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: