Manna e miele…

Dopo La miscela segreta di casa Olivares ho voluto leggere di Giuseppina Torregrossa Manna e miele, ferro e fuoco, pubblicato nel 2011; è stata una lettura veloce, consumatasi nel giro di quattro ore. E questo è per me brutto segno; ciò vuol dire che non ho apprezzato del tutto la scrittura di questo libro, fatta di periodi semplici e ricca di discorsi diretti fortemente mimetici, che solitamente non incontrano il mio gusto personale, e la tessitura della trama, che mette insieme realismo magico e romanzo breve, tradizione e storia siciliana(dal tramonto del feudalesimo alla Sicilia nel governo della sinistra storica e poco oltre). Niente di male in ciò, se non fosse che la struttura risulta poco armonica, poiché narrativamente la storia della protagonista, Romilda Gelardi, sembra slegata da quella politico-sociale, a tal punto che si ha l’impressione di cogliere giustapposti i due piani. Anche la lingua, rispetto alla Miscela segreta, è ridondante, talvolta retoricamente scontata,  non ancora raffinata come nella Miscela segreta. Eccessivo, poi, il gusto quasi ossessivo della narratrice esterna sulle scene erotiche, rappresentate con dovizia di particolari reali e insieme simbolici.

Come definire questo romanzo? Femminile prima di tutto. Nella scrittura, nel sapore della narrazione, nelle immagini, nell’eros, rappresentato ossimoricamente  nella diade maschile-femminile, con rari punti di incontro tra i due mondi. Al contempo è un romanzo visionario, che attinge alla storia e mescola antichi miti terrigni con tradizioni siciliane, di cui la Torregrossa è appassionata e appassionante ricercatrice, perciò è anche un tesoretto di tradizioni siciliane e di perle linguistiche. In parte, ma sarà chiaro al lettore in chiusura, è una storia di riscatto femminile.

7565b3d59ab1967f0be081ba126cae0fIn questo libro il focus è puntato sulla manna e sul miele, che sono anche i simboli intorno a cui è costruita la figura della protagonista, Romilda, quartogenita dei Gelardi, raccoglitori esperti della manna siciliana. Ultima dopo tre figli maschi, concepita per insopprimibile desiderio della madre Maricchia, che compie un breve pellegrinaggio a Castelbuono in onore di Sant’Anna per ottenere il miracolo di una figlia femmina, che la possa curare quando sarà vecchia, finanche vestirla da morta quando sarà posta dentro la cassa, Romilda(ma il lettore nel corso della narrazione verrà a conoscenza di un altro nome)crescerà sotto le ali protettive e magiche della madre, che la inizierà all’arte di allevare, rabbonire e incantare le api, e gli insegnamenti del padre Alfonso sull’arte di intaccare il frassino, onde ricavarne la manna, la migliore prodotta in Sicilia. Manna e miele faranno di Romilda un fior di bellezza, ma a goderne, almeno per molti anni, sarà Francesco Ventimiglia, barone di mezza Sicilia, vecchio cinquantenne in cerca di eredi e carne fresca. Alla manna e al miele, simboli della fanciullezza di Romilda, succedono perciò quelli del ferro e del fuoco, della durezza e del patimento della protagonista che, attraverso il matrimonio combinato, sperimenterà su di sé la prigionia della carne e del cuore, pur in un contesto di benessere e di privilegio. La morte del marito costituirà per Romilda occasione per riappropriarsi di sé e delle proprie radici: sarà un percorso a ritroso per ritrovare quella bambina di manna e miele, simboli ora fattuali, che finalmente la renderanno donna consapevole della propria forza morale, sociale e, perché no, anche politica, in barba ai titoli nobiliari, alla potenza sudditante del mondo feudale e finanche ai due figli avuti dal barone. 

2 thoughts on “Manna e miele…

  1. Sono entrambi presenti e disponibili al prestito nella Biblioteca del mio Comune. Domani un rapido passaggio e uno dei due lo “ghermirò” senz’altro!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...